Rischio leucemie: fattori ambientali sul banco dgli imputati

pile-of-garbage.jpgPubblichiamo dal Bresciaoggi del 6 luglio

CASTEGNATO E OSPITALETTO. Guerra di cifre

«Leucemie record» I sindaci chiedono chiarezza sul report

Legambiente lancia l’allarme Ma all’Asl non risultano anomalie

I sindaci di Castegnato e Ospitaletto sono in allarme dopo aver letto le osservazioni inviate da Legambiente Franciacorta in Regione per chiedere la bocciatura della futura discarica Bosco Stella.
A preoccupare sono i dati riguardanti una presunta anomala presenza di leucemie e neoplasie, che Legambiente mette nero su bianco nel suo report alla Regione.

Secondo i primi cittadini Giuseppe Orizio e Giovanni Battista Sarnico «quei dati se non adeguatamente indagati rischiano di creare apprensione tra la cittadinanza».
Per questo hanno chiesto spiegazioni ai vertici delle istituzioni sanitarie, Asl e Arpa.

Orizio ricorda che la questione leucemie e tumori era stata oggetto di approfondimenti negli anni scorsi, citando in particolare la relazione del dipartimento prevenzione sanitaria Asl dell’aprile 2007: «Si ritiene che attualmente non vi siano elementi tali da ritenere che la popolazione di Ospitaletto sia a rischio di esposizione a fattori favorenti leucemie e linfomi in misura diversa dalla restante popolazione Asl della provincia di Brescia».

Insomma, i sindaci dei due paesi si chiedono come questo passaggio possa conciliarsi con quanto scritto da Legambiente, ovvero il contrario della relazione Asl: «Le condizioni sanitarie di Ospitaletto e Castegnato negli anni hanno segnato presenze anomale di leucemie, e la stessa presenza di neoplasie è maggiore che in altre zone, forse anche perché la qualità dell’aria è pessima e gli inquinanti entrano nella filiera alimentare».

Ma c’è o non c’è un numero sospetto di gravi malattie?
Legambiente indica un probabile nesso tra fonti inquinanti sul territorio (21 discariche con rifiuti pericolosi, falde inquinate, aziende dalle emissioni inquinanti, milioni di veicoli sull’A4). Quel che è vero è che non esiste in provincia di Brescia, al contrario di Mantova per esempio, una indagine epidemiologica sulla casistica di neoplasie vicino a fonti massicce di inquinamento.
Indagine che Legambiente indica ora come un necessario punto di partenza.P.GOR.

Related Post

16 Commenti to “Rischio leucemie: fattori ambientali sul banco dgli imputati”

  1. STEFANO:

    NON TROPPO TEMPO FA’ ALCUNI SIGNORI HANNO DICHIARATO:

    Intervento del consigliere comunale Sig. Incontro del Comune di Ospitaletto : “Non si può dimenticare il passato e le battaglie fatte; come si può solo pensare di ipotizzare una discarica su questo territorio già martoriato?!
    Mi auguro che Prandelli a livello di Provincia, rivestendo egli una carica istituzionale nell’ambito della stessa, riesca a farsi portavoce delle istanze ambientali dei cittadini”.

    Intervento del consigliere comunale Sig. Sarnico del Comune di Ospitaletto: “Anche 20 anni fa fu preso l’impegno dei consiglieri comunali di contrastare l’avvento della discarica; ora è necessario non trovarci soli a combattere contro questi problemi ambientali, occorre lavorare assieme tutti”.

    Intervento del consigliere comunale Sig. Reboldi del Comune di Ospitaletto: “Questa è sicuramente una sede autorevole per esprimere il fermo no alle discariche, sappiamo tutti che nessuno le vuole, la scelta è politica e la Regione Lombardia sa se verranno riattivate”.

    SPERIAMO CHE ADESSO NON SMETTANO DI LOTTARE PER NON FAR APRIRE ALTRE DISCARICHE!!

    LA LEGA AMBIENTE LANCIA L’ALLARME A FRONTE DI INDAGINI SULLA QUALITA’ AMBIENTALE CHE DIMOSTRANO COME L’ARIA E LE FALDE NEI NOSTRI PAESI SIANO INQUINATI. SE CI SONO DELLE LEGGI CON DEI LIMITI DA RISPETTARE NON DOVREMMO ASPETTARE UNA PERCENTUALE NETTAMENTE SUPERIORE DI LEUCEMIE E VARIE, PER ATTUARE UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTE CHE VADA A GARANTIRE IL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE STABILITI DAL Dlgs 151.

    NON VEDO LA VOLONTA’ DI DIVENTARE CONSAPEVOLI DI QUALI SONO GLI INQUINANTI SUPERIORI AI LIMITI DI LEGGE E QUINDI DI CONSEGUENZA ATTUARE DELLE CONTROMISURE PER SALVAGUARDARE LA SALUTE DEL CITTADINO.

    E’ MIA OPINIONE PERSONALE CHE PASSANO GLI ANNI, CAMBIANO I PARTITI, CAMBIANO LE PERSONE MA UGUALE E’ LA VOGLIA DI NON DARE LA PRIORITA’ ALLE TEMATICHE DELL’AMBIENTE.

  2. Lucia:

    L’omertà è l’atteggiamento di ostinato silenzio atto a non denunciare reati più o meno gravi di cui si viene direttamente, o indirettamente a conoscenza e la si commette celando l’identità di chi ha commesso un reato o comunque tacendo circostanze utili alle indagini dell’autorità giudiziaria.

  3. il borgo di lovernato:

    Vorrei ricordare ai lettori che la relazione del 2007 era dislocate nell’arco temporale di ben 18 anni, sicuramente i dati non indicavano problematiche sul territorio, mentre quella rilasciata nel 2005 che prendeva l’arco temporale 2000/2003 un incremento di ben 8,5 volte il dato nazionale.
    Non essendo presenti alla presentazione della ricerca ne il sindaco Sarnico e il il sindaco Orizio come fanno a negare l’evidenza dei fatti?
    L’allora responsabile Dott. Indelicato aveva chiesto l’intervento del ministero della salute, ma non si è mai sputo niente in merito.
    Sembra che stiano diventando tutti possibilisti in merito alla discarica cittadini vigiliamo!!!!!!!!!

  4. Alberto Vento:

    Finalmente vedo pubblicato l’articolo del Bresciaoggi del 06 luglio da me citato nel commento del July 15th, 2011 alle 6:37 am, riprendo una parte del mio intervento:
    Mi preoccupa inoltre il cambiamento di pensiero del nostro Sindaco sui dati di legambiente relativi alle Leucemie riportato sul Bresciaoggi del giorno 06/07 pag. 24 nel quale dice “quei dati se non adeguatamente indagati rischiano di creare apprensione tra la cittadinanza”, non erano gli stessi dati ampiamente enfatizzati quando era all’opposizione?”
    Quali logiche ci stanno sotto?
    Vi prego concittadini, commentate su questo se vi premono le sorti del nostro comune e tutti insieme vigiliamo

  5. LAURA:

    …. ma và … vuoi vedere che il vento che è cambiato ha spazzato via tutto l’inquinamento …. l’allarme rosso è cessato….
    Laura

  6. Moderatrice:

    Il tema potrebbe essere considerato in questi termini: davanti ad elementi che destano preoccupazione come fornire elementi certi alla cittadinanza? Sia a livello di informazione, sia di eventuali contromisure necessarie.

  7. Earnest:

    Semplice, perchè non si fa la ricerca che il vostro sito ed il giornale hanno piu volte chiesto? Una bella ricerca indipendente su qualità di aria, terra e acqua non risolverebbe molti dubbi?
    E comunque negli ambienti veterinari gira la voce su una quantità eccessiva di diossina ad Ospitaletto.

  8. luigi:

    Forse non c”entra con l”ambiente ma la villa presti? Avete visto che schifo? L’ha fatta cosi’ Prandelli perche pasini l’aveva prevista diversa

  9. STEFANO:

    davanti ad elementi che destano preoccupazione come fornire elementi certi alla cittadinanza?: Siamo sicuri che si voglia fornire elementi certi??! Dopo che una relazione passata ha dimostrato dei valori di Benzene superiori di 8 volte al limite di legge.. Valori di Benzo(a)pirene superiori di 5 volte.. Non so cosa quali elementi vogliamo aggiungere?!!
    Continuamo a fare indagini e mentre aspettiamo i risultati, c’è chi ne approfitta per aprire discariche?!!!
    Veramente c’è qualcuno che sostiene che le discariche non siano determinanti ad alzare il valore di inquinanti nell’aria e nelle falde?!
    Hanno appena terminato l’indagine sulla qualità dell’aria nata dal progetto”franciacorta sostenibile” e hanno pensato bene di escludere Ospitaletto forse per non dare ulteriori elementi certi sulla pessima qualità dell’aria che Ospi offre ai suoi cittadini??!!!
    Ospitaletto ha 100-200 mila euro per fare una bella indagine di 12 mesi sulla qualità dell’ambiente?!!
    Eh ovviamente eviterei di farla organizzare a Cogeme o/e A2A Aprica.. perchè non si va dall’oste a chiedere se il suo vino è buono!!!
    Pensateci un pò..

  10. Lucia:

    “quei dati se non adeguatamente indagati rischiano di creare apprensione tra la cittadinanza”, non erano gli stessi dati ampiamente enfatizzati quando era all’opposizione?”
    Quali logiche ci stanno sotto?
    La logica del Dio Denaro, dei soldi facili, per intenderci.
    Per quanto mi riguarda, se anche i dati dicessero tutt’altro, nel dubbio l’ennesima discarica non di dovrebbe fare!!!
    Aggiungerei anche un’altra cosa: ricordate l’aria IRRESPIRABILE dei mesi di dicembre/gennaio ?!?
    La barzelletta delle targhe alterne… vabbè rileggete la def. di omertà !

  11. il borgo di lovernato:

    Nel lontano 2006 dopo la pubblicazione dell’inchiesta del prof. Donato in merito alle leucemie ad Ospitaletto, avevamo più volte richiesto un tavolo di concertazione composto da ASL, Amministrazione, Associazioni e Medici di famiglia per controllare e capire come e perchè ci fosse una casistica così alta nel nostro comune, ma hanno sempre fatto orecchie da mercante.
    Comunque che ci sia qualcosa che non quadri ci è stato fatto capire l’anno scorso nella realizzazione delle nostre serate sulla salvaguardia del creato, avevamo contattato il prof. Donato ,ma dai vertici ASL è stata negata la possibile partecipazione!!!!
    Meditate gente.

  12. Moderatrice:

    Lucia aveva anche fornito un link all’ultimo studio ASL. Avendo erroneamente cancellato, lo ripropongo
    http://www.scribd.com/doc/3583.....-e-Linfomi
    Bisogna osservare che nelle ultime due righe di questa relazione l’ASL dichiara di ritenere in ogni caso opportuno continuare il monitoraggio. Stando a come viene riportata la notizia in questo sito, è quello che i sindaci hanno chiesto a seguito dei dati resi noti da Legambiente:
    http://www.bresciapoint.it/inf.....-arpa.html
    Se da un lato può emergere l’esigenza di uno studio indipendente, dall’altro si può forse dire che ci sia la necessità di “pretendere” attenzione dagli Enti competenti (ASL in primis)

  13. STEFANO:

    Davanti a delle evidenze oggettive.. TUTTO TACE. Nessun personaggio a favore della discarica, tanto bravi a dire che ospi è uguale a tutti gli altri paesi, interviene!!!

    Anche chi ha fatto la salvaguardia dell’ambiente come punto primario del proprio programma politico durante il periodo delle elezioni.. non ha il coraggio di prendere posizione!!!

    Democrazia=governo del popolo= NO discarica! Forse il nostro nuovo sindaco e i nostri nuovi consiglieri dovrebbero cambiare nome al partito!

  14. Lucia:

    Passeggiando nell’interzona Ospitaletto-Castegnato dove c’è la vecchia discarica si capisce come il territorio li sia stato maltrattato… si respira veramente un aria di abbandono, di degrado e non voglio pensare a cosa potrebbe diventare se quell’enorme “buco” venisse riempito con altri rifuti.
    Credo che salvaguardarlo sia un dovere per il futuro…rovinato anche quell’ultimo spazio verde, cosa resterà a Ospitaletto fra 20 o 30 anni?

  15. Lucia:

    Discariche di qua, discariche di là … sicure al 100% poi succede che: “A Mapello, in provincia di Bergamo, i lavori nel cantiere per la realizzazione del centro commerciale, salito all’onore delle cronache per la vicenda della scomparsa e dell’omicidio di Yara Gambirasio, proseguono alacremente. Tra un anno o giù di lì, il complesso deve essere inaugurato. Quando nel 2010 cominciarono i lavori, le terre di risulta per la realizzazione delle fondamenta, in un’area in cui un tempo esisteva un’ex raffineria Sobea, sono finite in provincia di Brescia. Più precisamente alla cava Macogna, tra Travagliato, Cazzago San Martino e Berlingo, tre centri a ridosso della Franciacorta.”

    Articolo completo: http://www.ilfattoquotidiano.i.....ra/148938/

  16. stefano:

    Cara Lucia…

    se quel enorme buco tornasse a essere riaperto e tappato con altri rifiuti.. le analisi successive sulle emissioni dei bruciatori della discarica e della qualità dell’aria attorno alla discarica saranno perfette di sicuro.. Hai mai sentito parlare di una discarica nel bresciano che inquina? tutto sempre entro i limiti stabiliti..qualunque tipologia di rifiuto quella discarica contenga. Poi dopo 5-10 anni osserveremmo sulla nostra pelle i danni e allora li si scoprono alcuni altarini.. altri, secondo me, non verranno mai scoperti. Questo è semplicemente il pensiero comune di tantissimi cittadini di Ospitaletto niente di più.

Lascia un commento


Vi invitiamo gentilmente ad inserire gli indirizzi delle vostre homepage solo nel campo apposito, grazie!

Contattaci


Per informazioni, richieste, proposte e collaborazioni contattaci ad info@ospitaletto.org


Credi che il tuo comune possa avere bisogno di qualcosa come questo?? contattaci info@cerchiaurbana.org


Fai parte di un'associazione? avete bisogno di farvi conoscere? vi serve un sito web GRATIS? Abbiamo quello che fa per voi: associazionidifranciacorta.org


Sondaggio


Organizzare un nuovo sistema di raccolta differenziata a Ospitaletto ...
View Results